Una domanda che assilla da sempre famiglie e giovani coppie riguarda la casa dove abitare, se conviene comprarla oppure rimanere in affitto. Dare una risposta definitiva a questa domanda è sbagliatissimo e può portare a fare delle scelte con conseguenze costose e che comportano un minore benessere per sé stessi e per la propria famiglia.

Su tale argomento esistono molte analisi empiriche che hanno analizzato i dati di diversi paesi e in diversi periodi di tempo. Nella maggior parte di questi studi è emerso che ci sono stato periodi in qui è stato più conveniente comprare casa piuttosto che rimanere in affitto e periodi in cui è stato più conveniente stare in affitto.

Anche basando la propria scelta solo sui risultati delle analisi fatte su tale argomento non ha molto senso perché la scelta dipende da una serie di fattori soggettivi ed oggettive, ed inoltre, sempre ci possono essere delle occasioni da non perdere. Di conseguenza, la cosa migliore sarebbe quella di basare la scelta finale combinando insieme la pianificazione finanziaria e l’analisi del mercato immobiliare.

Leggi anche: Finanziare l’acquisto della casa con un Mutuo

5 Motivi per Comprare Casa e Non Rimanere in Affitto

Nella maggior parte dei casi che si fa una domanda del tipo “È meglio comprare casa o stare in affitto?”, la risposta che viene data è che la scelta migliore è quella di comprare casa. Le motivazioni date sul perché conviene comprare casa sono quasi sempre le stesse:

  • I soldi dell’affitto sono soldi buttati.
  • I prezzi delle case aumentano sempre.
  • Si può lasciare un’eredità ai figli.
  • Si può avere la liberta di ristrutturare la casa.
  • Si può avere una maggiore stabilita e serenità.

Certamente queste non sono le uniche motivazioni date del perché conviene comprare casa e non stare in affitto, c’è ne sono pure altre, ma in linea generale queste sono le principali.

Leggi anche: Come pagare 20% in meno per Comprare Casa ed Ottenere un Mutuo

5 Motivi per Non Comprare Casa e Rimanere in Affitto

Fino a qualche anno fa il 99% delle persone sarebbe stato favorevole all’acquisto della casa piuttosto che rimanere in affitto. Oggi questa mentalità sta cambiando e sta crescendo il numero delle persone che preferiscono rimanere in affitto. Le motivazioni che si danno più spesso sul perché conviene rimanere in affitto sono principalmente le seguenti:

  • Si può avere maggiore flessibilità per trasferirsi altrove nel caso in cui c’è un aumento della criminalità nel quartiere, oppure nel caso di continui conflitti con i vicini.
  • Si può avere maggiore flessibilità per trasferirsi altrove nel caso di perdita del lavoro.
  • Nessun rischio e nessuna perdita quando i prezzi delle case calano o quando si vuole vendere la casa in una situazione di emergenza.
  • Non ti dovrai indebitare per il resto della tua vita.
  • Minori costi e imposte da sostenere.

Certamente queste non sono le uniche motivazioni date sul perché conviene rimanere in affitto e non comprare casa, c’è ne sono pure molte altre.

Leggi anche: Il Rent to buy per acquistare casa

Come scegliere tra “Comprare Casa” o “Rimanere in Affitto”

Fare una scelta tra comprare casa oppure rimanere in affitto non è una scelta facile, ma non è neanche una scelta difficile. Inoltre, è una scelta che non può essere generalizzata nel senso che va bene per tutti oppure non va bene per nessuno. Si tratta di una scelta che dipende da molti fattori oggettivi e soggettivi.

Il primo passo da compiere è quello di non prendere in considerazione cosa dicono gli altri, soprattutto se sono persone inesperte oppure dei semplici venditori, ed iniziare a guardare le cose con i propri occhi. Solo dopo aver superato questa fase con successo si può iniziare a valutare la conveniente dell’affitto o dell’acquisto.

Per fare una scelta ottimale si deve combinare insieme la pianificazione finanziaria con l’analisi del mercato immobiliare.

Per fare una pianificazione finanziaria si devono prendere in considerazione fattori come la situazione economica, finanziaria e patrimoniale attuale e futura, il nucleo familiare, la professione, l’età, le spese ordinarie e straordinarie attuali e future e così via. In questa fase si possono prevedere 3 scenari: uno ottimistico, uno realistico e un pessimistico. Ogni famiglia è in grado di fare una pianificazione finanziaria, anche se la maggior parte delle famiglie non lo fa, basta prendere carta e penna oppure creare una tabella su Excel e registrare tutti i dati. Durante questa si deve tener conto anche delle modalità di acquisto della casa, se avverrà in contanti oppure con il mutuo.

Per quanto riguarda l’analisi del mercato immobiliare, la situazione è molto più complicata perché spesso non si hanno le conoscenze, i dati e gli strumenti necessari per farlo, ma nonostante ciò, almeno una soluzione c’è. Sul nostro sito potete trovare delle analisi sul mercato immobiliare in Italia e all’estero che permettono di conoscere le città e le zone nei quali il mercato immobiliare è sopravvalutato e quindi conviene rimanere in affitto e le città e le zone nei quali il mercato immobiliare è sottovalutato e quindi conviene comprare casa. Certamente le occasioni non mancano mai ed è per questo che anche serve raccogliere anche altri dati. Ad esempio nella propria città dove abitate, ognuno di noi conosce i quartieri degradati o i quartieri con i prezzi alle stelle e se non si intende vivere in questi quartieri allora si possono scartare subito. Per i quartieri rimanenti si può fare una ricerca online e offline sui prezzi medi degli immobili e su quanto costa l’affitto.

Solo analizzando tutti questi dati, si può arrivare a prendere una decisione ottimale per scegliere se conviene comprare casa oppure conviene rimanere in affitto.

Leggi anche: Tutto quello che c’è da sapere sul Conto Trading