Sono molti gli italiani, sia giovani che pensionati, che per vari motivi non vogliono più vivere in Italia e vogliono trasferirsi in un altro paese per cambiare vita. Una delle mete preferite dagli italiani per cambiare vita è la Spagna.

Andare a vivere in Spagna può rappresentare una scelta di vita conveniente per chi vuole lasciare il proprio paese. In più significa andare a vivere in un paese caldo, solare, ricco di belle spiagge, di tanta arte, di cose da fare e da vedere, un luogo in cui la qualità della vita è alta nonostante la crisi economica.

Spesso, però, chi decide di cambiare vita, andando a vivere in un altro paese non valuta in modo corretto una serie di fattori che possono pregiudicare e mettere a rischio il futuro. I fattori da analizzare sono tanti, ma in questo articolo ci soffermiamo su uno dei fattori più importanti da valutare, ossia il costo della vita.

Nell’analisi del costo della vita si deve tener conto di tutte le spese che ti permettono di avere una vita normale come ad esempio le spese per mangiare, le spese per vestirsi, le spese per istruirsi, l’affitto, le bollette, il costo dei trasporti, il costo dei ristoranti e dei bar e il costo di altri beni e servizi necessari. Sicuramente non tutte le persone sono uguali e non tutte le persone hanno le stesse necessità, ma in media si può dire che queste sono le spese più comuni.

La classifica delle città spagnole sul costo della vita nel 2018

Secondo la classifica delle città spagnole sul costo della vita, senza le spese per l’affitto, la citta con il costo della vita più alto risulta essere Palma De Mallorca, seguita da Barcellona e da Madrid che perde una posizione rispetto all’anno scorso. Le città più economiche per andare a vivere anche per quest’anno risultano Las Palmas de Gran Canaria e Santa Cruz De Tenerife.

Se, invece, oltre al costo della vita si aggiungono anche le spese dell’affitto, la situazione cambia per molte città spagnole. La città più cara in Spagna diventa Barcellona, seguita da Madrid e da Palma De Mallorca, ciascuna delle quali perde una posizione rispetto all’anno scorso. Le città più economiche per andare a vivere, tenendo conto anche dell’affitto, risultano essere Granada e Santa Cruz De Tenerife.

Dopo la classifica delle città spagnole sul costo della vita, tenendo conto anche delle spese dell’affitto peri il 2018, passiamo a fare un breve introduzione ai dati e agli indici utilizzati nell’analisi.

I dati e gli indici utilizzati nella classifica sul costo della vita

I dati utilizzati per realizzare la classifica spagnole sul costo della vita sono relativi al mese di agosto 2018 e sono stati forniti da Numbeo. L’indice del costo della vita è stato costruito dalla ponderazione di diversi indici, i quali sono stati costruiti in modo tale da consentire una comparazione con il valore che assumerebbe a New York. Ad esempio se l’Indice dell’Affitto per una citta assume un valore di 90, allora significa che l’affitto in quella città è 10% meno costoso rispetto all’affitto a New York.

L’indice del costo della vita non tiene conto dell’affitto, ma tiene conto della spesa per mangiare, le spese per le bollette, le spese di trasporto e le spese per il ristorante. Invece, l’indice del costo della vita incluso l’affitto, oltre alle suddette spese include anche le spese per l’affitto.

Gli indici utilizzati per la costruzione dell’indice del costo della vita in Spagna sono:

  • L’Indice degli Affitti. Compara l’affitto dell’appartamento in un paese con l’affitto di un appartamento simile a New York.
  • L’Indice del Costo dei ristoranti. Compara il prezzo dei cibi e delle bevande nei ristoranti e nei bar di un paese rispetto al prezzo a New York di ristoranti e bar simili.
  • L’Indice della Spesa per mangiare. Compara la spesa per mangiare che si deve sostenere quando si abita in un paese rispetto alla stesa spesa se si abita a New York.
  • L’Indice Local Purchasing Power. Confronta l’ammontare di beni e servizi che si possono acquistare con un salario medio in un paese rispetto a New York.

Nella classifica delle città spagnole sul costo della vita in Spagna mancano alcune città in quanto non ci sono informazioni disponibili.

Leggi anche: Il conto deposito: l’alternativa per chi non vuole investire in borsa