Il numero dei strumenti di pagamento è aumentato in misura rilevante nell’ultimo decennio, portando enormi vantaggi sia in termini di costi, sia in termini di tempo. Nonostante l’entrata nel mercato di nuovi strumenti, uno strumento nato negli anni 50 negli USA, continua ad avere un elevato utilizzo. Si tratta della carta di credito.

La carta di credito è uno strumento di pagamento che permette di fare acquisti nei negozi e su internet in totale sicurezza e senza costi aggiuntivi. Oltre al pagamento, consente anche il prelievo di contanti presso gli sportelli delle banche convenzionate e dai distributori ATM. A differenza del bancomat, quando si effettuano acquisti tramite carta di credito, il denaro non viene immediatamente addebitato al titolare, ma viene prelevato sul conto in un secondo momento, solitamente non oltre i 30 giorni.

Quali sono le tipologie delle Carte di credito

Esistono diverse tipologie di carte di credito, che si differenziano tra di loro in base a determinate caratteristiche, ma comunque in line generale possiamo suddividerli in 4 categorie:

  • Le carte a saldo. Sono la tipologia di carte di credito più comune e che viene offerta come servizio aggiuntivo all’apertura di un conto corrente. Di norma l’addebito delle spese avviene in un’unica soluzione il mese successivo a quello di utilizzo. Se la somma spesa con la carta di credito sia superiore a quella disponibile al momento dell’addebito il conto corrente finisce in rosso.
  • Le carte revolving. Si tratta di una tipologia di carte che offre tutti i servizi delle classiche carte a saldo ma prevedono, in aggiunta, un prestito incorporato, che consente di spendere somme superiori alla disponibilità del proprio conto corrente. Ciò porta ad avere costi maggiori rispetto alle carte di credito tradizionali per l’applicazione degli interessi.
  • Le carte prepagate. Si tratta di una tipologia di carta non collegata ad un conto corrente e che si può ricaricare in base alle proprie esigenze. Le somme spese o prelevate sono addebitate in tempo reale e non è previsto alcun credito.
  • Le carte a zero spese. Generalmente sono quelle carte di credito che per contratto o per offerte e promozioni in corso, non prevedono il pagamento del canone annuo. Consentono un risparmio sulle spese della carta di credito.

Quali sono i costi della Carta di credito

Le carte di credito prevedono dei costi che variano in base alla tipologia e al circuito. Tra i principali costi possiamo menzionare:

  • Il canone annuo. Si tratta di uno costo fisso annuale che in alcune tipologie di carte può essere zero.
  • Il costo di attivazione. Si tratta di una spesa da sostenere soltanto al momento dell’attivazione della carta e che può essere zero in determinati casi.
  • Il costo dell’invio dell’estratto conto cartaceo. In alcuni casi tale costo può essere zero.
  • La commissione di cambio. Si tratta di un costo che si sostiene quando vengono effettuati pagamenti in un’altra valuta.
  • La commissione di prelievo. Si tratta di un costo che si sostiene quando viene prelevato denaro contante.
  • Il tasso di interesse. Si tratta del tasso di interesse applicato, di solito, nelle carte revolving.
  • Il costo blocco o sostituzione. Di solito questi costi sono zero, ma non sempre.
  • Il canone annuo di una carta aggiuntiva. Alcune banche chiedendo un canone annuo per l’emissione di una seconda carta.
  • Altri costi. Ci possono essere anche altri costi che variano da istituto a istituto.

Quali sono i circuiti di pagamento delle Carte di credito

Le carte di credito si distinguono tra di loro anche sulla base dei circuiti di pagamento che non sono altro, che le compagnie che gestiscono le richieste e le autorizzazioni di spesa tra gli istituti che emettono le carte di credito e i punti vendita convenzionati. I principali circuiti mondiali sono: Visa, MasterCard, Diners, American Express, JCB e China Union Pay (CUP). Il circuito più diffuso in tutto il mondo risulta essere Visa, seguito da MasterCard.

Quali vantaggi offre la Carta di credito

Ci sono diversi i vantaggi che la carta di credito può offrire al suo detentore. Tra i principali vantaggi che si possono avere, possiamo menzionare:

  • La possibilità di tutelarsi da eventuali furti, non essendo costretti a portare con sé denaro contante in eccesso.
  • La possibilità di effettuare con facilità pagamenti all’estero senza l’obbligo di cambiare valuta e senza alcun costo accessorio.
  • La possibilità di spendere cifre anche superiori alla liquidità disponibile al momento, saldando la cifra totale o rimborsando l’importo a rate, senza superare però il limite di utilizzo mensile.
  • La possibilità di avere accesso a servizi e prodotti, di cui altrimenti non si avrebbe accesso, come ad esempio noleggiare un’auto con la carta di credito.
  • E molti altri.

Come richiedere la Carta di credito

Di solito l’unico requisito richiesto per avere una carta di credito è quello di essere maggiorenni, tranne che per le carte prepagate che possono essere intestate anche ad un minorenne, a patto che un maggiorenne faccia da garante.

La carta di credito si può richiedere direttamente online sul sito dell’istituto emittente, compilando il modulo e allegando i documenti richiesti. In alternativa esiste sempre la possibilità di andare direttamente in filiale per richiedere la carta, compilando il modulo e consegnando la documentazione richiesta.

Essere maggiorenni non basta per avere qualsiasi tipologia di carta di credito. Ogni istituto emittente stabilisce i propri criteri sulla base dei quali accettare o meno le richieste di carte di credito. Una volta accettata la richiesta, la banca spedisce al cliente la carta di credito insieme ai codici di utilizzo e a tutte le informazioni utili alla sua attivazione.

Come scegliere la Carta di credito

Scegliere una carta di credito è un processo che non si deve trascurare, perché può portare non solo ad un aumento dei costi, ma anche ad un mancato soddisfacimento dei bisogni. Siccome esistono diverse tipologie di carte di credito è importante capire inizialmente di quello che si ha bisogno e a quale scopo la carta sarà utilizzata.

Se ad esempio la carta di credito serve per fare una decina di acquisti online all’anno, non ha senso richiedere una carta di credito American Express considerando i costi elevati che comporta. In questo caso avrebbe più senso una carta con costi bassi come ad esempio la carta prepagata.

Dopo aver analizzato e capito a quale scopo la carta sarà utilizzata, è necessario fare un confronto fra le diverse tipologie di carte disponibili. Esistono diversi siti online che permettono di confrontare gratuitamente online le carte di credito. Infine, prima di firmare ricordarsi sempre di leggere con attenzione il contratto finale.

Leggi anche: Meglio il TAN o il TAEG per confrontare i prestiti?