Il Portogallo, in questi anni, è diventato uno dei paesi più interessanti per comprare casa a buone condizioni. Oltre al clima piacevolmente mite, sono anche molti altri fattori che hanno contribuito a rendere il mercato immobiliare in Portogallo un investimento attraente per molti, come ad esempio la sicurezza, la cucina, la cultura, le spiagge, i prezzi bassi, la stabilità politica, la bassa tassazione e agevolazioni fiscali.

Un’attrattiva formidabile che ha fatto diventare il Portogallo la meta favorita anche di tanti pensionati italiani e non solo, è stata la decisione di detassare per dieci anni le pensioni dei cittadini stranieri che decidono di traferire la residenza e così molti di loro hanno preferito comprare casa piuttosto che rimanere in affitto.

Il Portogallo continua ad essere una delle mete favorite anche dalle celebrities internazionali. L’ultima è Scarlett Johansson che ha deciso di comprare un appartamento a Lisbona. Prima di lei hanno comprato casa in Portogallo John Malkovich, Monica Bellucci, Michael Fassbender, Éric Cantona, Christian Louboutin e Madonna.

Nonostante questi fattori positivi che possono spingere ad acquistare casa in Portogallo, si deve sempre ricordare che comprare casa in Italia o all’estero comporta uno sforzo enorme per la maggior parte delle famiglie che non ha i soldi, e che si deve indebitare per comprarla. Ciò rende l’investimento immobiliare ancora più rischioso, perché il costo di acquisto, si deve pagare, mediamente, in 20 anni e nessuno non è in grado di fare previsioni attendibili per un periodo di tempo così lungo.

Cosa fare prima di comprare un appartamento in Portogallo

Chi ha intenzione di comprare casa in Portogallo, non deve iniziare subito a cercare casa, ma prima deve fare la pianificazione finanziaria, calcolando così anche il prezzo massimo dell’immobile che intende pagare e la rata massima che si è in grado di pagare.

Dopo la pianificazione finanziaria si deve fare un’analisi del mercato immobiliare, altrimenti si rischia di fare un investimento sbagliato, il cui costo si deve pagare, mediamente, in 20 anni.

Ricordarsi sempre, che conviene di più comprare un immobile sottovalutato il cui prezzo tenderà a crescere nel tempo, piuttosto che un immobile sopravvalutato il cui prezzo tenderà a scendere nel tempo oppure crescerà di meno rispetto ad uno sottovalutato.

Analisi del mercato immobiliare portoghese nel 2018

Grazie all’analisi del mercato immobiliare si possono individuare le città nelle quali il mercato immobiliare è sottovalutato e le città che hanno un mercato sopravvalutato. Quando il mercato è sopravvalutato non conviene comprare, ma piuttosto conviene rimanere in affitto. Nonostante ciò, ci possono essere sempre delle occasioni da non perdere e quindi sarà più conveniente comprare casa.

Sulla base del indicatore Price to Income, la città nel quale ci vogliono più anni per comprare casa con il reddito percepito risulta essere Lisbona. A Lisbona serve il reddito di 17,3 anni per acquistare un appartamento.

Al secondo posto troviamo Porto, dove serve il reddito di 13,1 anni, seguita da Funchal con 11,1 anni e da Coimbra con 8,5 anni. Il quinto posto, invece è occupato da Braga, dove serve il reddito di solo 6,5 anni per comprare un appartamento di 90 metri quadri.

Facendo riferimento al rapporto Price to Rent Centro risulta che a Lisbona e Coimbra, il mercato immobiliare è sopravvalutato e quindi in queste città conviene rimanere in affitto. Dai valori assunti da questo indicatore a Porto e a Funchal, risulta che in genere conviene stare in affitto, anche se non sempre. L’unica città in cui il mercato immobiliare in centro risulta essere sottovalutato è Braga, dove conviene di più comprare casa piuttosto che rimanere in affitto.

Se, invece, si vuole investire nel mattone, ma questa volta comprare un appartamento in periferia e non più al centro, la situazione cambia per alcune citta. Secondo i valori di Price to Rent Periferia a Lisbona, Porto, Funchal e Coimbra in genere conviene stare in affitto, anche se non sempre. A Braga il mercato immobiliare, anche in periferia, risulta essere sottovalutato, quindi conviene di più comprare casa e non rimanere in affitto.

Sulla base del rapporto Rata mutuo con Salario medio, a Lisbona la rata le mutuo per un appartamento di 90 metri quadri supera il reddito percepito. A Porto, invece, il 83% del reddito va a coprire la rata del mutuo. La città migliore secondo questo indicatore risulta di nuovo essere Braga, dove solo il 43,9% del reddito serve per pagare la rata del mutuo.

I dati e gli indici utilizzati nell’analisi del mercato immobiliare

Nell’analisi del mercato immobiliare non sono state analizzate tutte le città, perché per una parte di esse non ci sono dati sufficienti che permettono di fare l’analisi.

Gli indicatori utilizzati nell’analisi sono: Price to Income, Price to Rent e Rata mutuo / Salario medio. Il primo indicatore è dato dal rapporto fra prezzo mediano della casa con reddito mediano annuo. Il secondo è dato dal rapporto tra prezzo dell’immobile con l’affitto annuale. Infine, l’ultimo è dato dal rapporto tra rata media del mutuo con il salario medio.

I dati utilizzati nell’analisi sono stati forniti da Numbeo e sono relativi al mese di settembre 2018. Per la costruzione degli indicatori si è fatto riferimento alla media dei appartamenti di 90 metri quadri.

Leggi anche: Assicurazione mutuo: come mettersi al riparo da eventuali imprevisti