Il numero dei stranieri in Italia è in continuo aumento e la società sta diventando sempre più multiculturale. Per aumentare la propria quota di mercato nel settore dei prestiti, le banche e gli istituti di credito si stanno impegnando a creare delle offerte specifiche di prestiti per stranieri.

Indipendentemente dalle offerte proposte sul mercato, un requisito imprescindibile che lo straniero deve avere per richiedere un prestito è il possesso di un permesso di soggiorno, di lavorare in regola da almeno sei mesi e di avere un reddito sufficientemente elevato.

Per alcune banche, però, non basta che lo straniero abbia un lavoro a tempo determinato, ma richiedono un contratto a tempo indeterminato per poter concedere il prestito. Avere, quindi, un contratto di lavoro a tempo indeterminato e un reddito relativamente alto, apre le porte di tutti gli istituti di credito e permette di ottenere prestiti più vantaggiosi.

Leggi anche: Meglio Comprare Casa o Rimanere in Affitto?

Le tipologie di Prestiti per Stranieri

Come abbiamo già detto prima, ogni istituto di credito ha lanciato sul mercato soluzioni ad hoc dedicate per gli stranieri. In questa sede, però, non intendiamo presentare le singole offerte, poiché vi basta andare nel sito di ogni istituto di credito per informavi o in alternativa potete utilizzare i comparatori di prestiti. Quello che faremo è presentare, in linea generale, le diverse tipologie di prestiti per stranieri, più, utilizzate dagli istituti di credito, che sono:

  • La cessione del quinto dello stipendio. Per chi ha un lavoro stabile e continuativo e ha un reddito sufficiente elevato, questa tipologia di finanziamento è quella a cui si ricorre di più. In pratica, la somma erogata viene restituita tramite trattenute dalla busta paga e la rata non può superare, di norma, il 20% dello stipendio. Questa tipologia di prestito costituisce una garanzia sufficiente per gli istituti di credito, perché il rischio di insolvenza in questi casi è molto limitato.
  • Il prestito delega. Per ottenere questa tipologia di prestito serve un lavoro stabile e continuativo ed un reddito sufficiente elevato Il prestito delega è simile alla cessione del quinto, poiché la somma delle rate viene decurtata direttamente dal conto, ma a differenza di quest’ultimo, la rata può arrivare fino al 40% dello stipendio.
  • Il prestito personale. I stranieri che hanno un lavoro stabile e continuativo ed un reddito sufficiente possono richiedere ed ottenere, anche, un prestito personale.
  • Altre tipologie specifiche di prestito. In questa categoria fanno parte tutte quelle offerte specifiche create dagli istituti di credito per gli stranieri residenti in Italia.

Leggi anche: La Guida Definitiva della Cessione del Quinto

I requisiti e le garanzie che servono per ottenere un prestito

Per i cittadini stranieri i requisiti e le garanzie per poter accedere a prestiti e finanziamenti non sono particolarmente dissimili da quelli richiesti a un cittadino italiano. In pratica, devono avere un contratto di lavoro, meglio se a tempo indeterminato, un reddito sufficientemente elevato e la residenza in Italia. Nel caso di lavoratori stranieri provenienti da paese extracomunitario, è necessario possedere anche un regolare permesso di soggiorno.

Qualsiasi straniero comunitario o extracomunitario che risiede e lavora in regola e con continuità in Italia, non avrà alcun tipo di problema a usufruire di un prestito, perché la maggior parte degli istituti di credito sarà disposto a concedergli un prestito.

Leggi anche: La Guida Definitiva dei Prestiti per Pensionati

Cosa fare prime di richiedere un prestito

Prima di richiedere un prestito è fondamentale fare la pianificazione finanziarie e determinare così anche la rata massima che si è in grado di pagare. Solo dopo questa fase si può iniziare a fare una ricerca sulle diverse soluzioni presenti sul mercato.

Per ottenere le offerte dei singoli istituti di credito non serve andare in ogni singolo banca o società finanziaria, perché oggi si può fare anche tutto online. Infatti, basta visitare il sito del singolo istituto di credito oppure utilizzare i diversi siti che consentono di comprare con pochi click centinaia di offerte.

La maggior parte di questi siti permette, anche, di inoltrare la richiesta per un prestito direttamente online per non farvi perdere tempo.

Leggi anche: Stipulare un’assicurazione viaggi per risparmiare e partire sereno

Come scegliere il prestito migliore

I prestiti non sono tutti uguali e i prestiti a tasso di interesse zero non esistono. Chi vi dice il contrario vi sta solo mentendo e quindi meglio stare alla larga.

Per scegliere il prestito più economico e più adatto alle proprie esigenze si deve fare un confronto di tutte le offerte presenti sul mercato. Si devono escludere quelle offerte che hanno una rata maggiore di quello che si è in grado di pagare, che richiedono garanzie che non si è in grado di offrire, che possono essere concessi solo a determinate categorie di lavoratori di cui non si fa parte, che hanno determinate caratteristiche non in linea con i propri desideri e cosi via. La scelta finale dovrà cadere, a parità di altre condizioni, sul prestito con il TAEG minore e non con il TAN minore.

Si deve stare in guardia, anche nel momento della stipula del contratto e verificare che le condizioni del prestito non siano diverse e peggiorate rispetto al preventivo.

Solo seguendo queste semplici ed efficaci regole si può avere la certezza di non sbagliare nella scelta del prestito.

Leggi anche: In quale città italiana conviene comprare casa nel 2018