Per i giovani, di oggi, sta diventando sempre più difficile trovare un lavoro e senza un lavoro non si può pensare al futuro e non si può costruire una famiglia. Nella maggior parte dei casi, anche quando, con mille difficoltà, il lavoro si trova, lo stipendio percepito non permette di coprire i costi minimi e di garantire un futuro.

Laureati o non laureati, essendo i giovani una categoria sociale senza delle solide garanzie reddituali ed economiche, diventa per loro molto difficile ottenere un prestito per realizzare un proprio progetto. La probabilità di ottenere un prestito diminuisce, ancora di più, quando si va a richiedere il prestito sbagliato, dall’istituto di credito sbagliato.

Diversi istituti di credito si sono adeguati, offrendo delle soluzioni di credito ai giovani, ossia per coloro che hanno un’età generalmente compresa tra i 18 e i 35 anni e che spesso non hanno solide garanzie reddituali ed economiche. Questa tipologia di prestito prende il nome di Prestito giovanile o Prestito per i giovani.

L’ammontare del prestito giovanile è solitamente compreso tra i 500 euro e i 15.000 euro e permette di ottenere liquidità aggiuntiva per piccoli e grandi bisogni come ad esempio l’acquisto dell’automobile, il pagamento delle spese per gli studi universitari, l’avvio di un’attività imprenditoriale e molto altro.

Rispetto ai classici prestiti personali che prevedono criteri di valutazione piuttosto rigidi, come ad esempio un reddito stabile e dimostrabile, i prestiti per i giovani hanno requisiti di accesso meno severi e non tengono conto della tipologia di impiego del richiedente, ma richiedono forme di garanzia alternative.

Leggi anche: Finanziare l’acquisto dell’auto con un Prestito auto

Le tipologie di Prestito per i giovani

I prestiti per i giovani sono pensati su misura per studenti e lavoratori under 35 che desiderano portare avanti un proprio progetto ma non hanno la liquidità sufficiente per farlo. Prima di andare a richiedere un prestito, sarebbe opportuno conoscere le varie tipologie e scegliere quella più adatta alla propria situazione e alle proprie esigenze. La gamma di prestiti agevolati per i giovani è piuttosto ampia e diversificata e tra quelle più conosciute possiamo menzionare:

  • Il Prestito d’onore per studenti. Si tratta di un prestito dedicato a chi frequenta un corso di laurea triennale o specialistica, a chi desidera iscriversi a un master universitario o a un corso post laurea, ma non solo. Infatti, possono essere richiesti anche per l’acquisto di strumenti e materiali scolastici. Questa tipologia di prestito è il risultato di convenzioni tra le banche e gli atenei e permette di usufruire di tassi di interesse particolarmente agevolati. Alcune volte una quota di capitale viene concessa a fondo perduto e l’altra erogata sotto forma di prestito da restituire alla banca a tasso agevolato.
  • Il Prestito per giovani senza lavoro. Si tratta di un prestito che viene concesso a chi non ha un lavoro stabile. Per concedere il prestito, in alcuni casi, viene richiesto la fideiussione che prevede la presenza di un garante, ovvero di una persona che sia pronta a farsi carico del pagamento delle rate del prestito qualora il giovane non ne sia più in grado. In altri casi è possibile presentare un contratto di affitto regolare o iscrivere l’ipoteca su un immobile di proprietà.
  • Il Prestito a fondo perduto per giovani imprenditori. Si tratta di un prestito dedicato all’imprenditoria giovanile e alle start up che possono essere erogati dagli enti regionali (finanziamenti regionali a fondo perduto), da quelli statali (prestiti regionali a fondo perduto) oppure da fondi europei (finanziamenti europei a fondo perduto). Questa tipologia di prestito non prevede né la restituzione del capitale in prestito né degli interessi su di esso maturati ed è rivolta ai giovani di età compresa tra i 18 e i 36 anni che hanno intenzione di costituire una nuova società sotto forma di SAS, SNC, SPA, SAPA, SS, piccole e medie cooperative. Possono arrivare fino al 50% a fondo perduto, a cui è possibile aggiungere un prestito o un mutuo pari al 40% degli investimenti restituibile in 10 anni.
  • Il Prestito d’onore per giovani imprenditori. Si tratta di un prestito dedicato a tutti coloro, giovani compresi, che desiderano avviare un’attività imprenditoriale di piccola dimensione e rientrante in una delle seguenti categorie di impresa: lavoro autonomo, micro impresa e franchising. Alcune volte una quota di capitale viene concessa a fondo perduto e l’altra erogata sotto forma di prestito da restituire alla banca a tasso agevolato.
  • Il Prestito “Fondo Garanzia giovani” per giovani imprenditori. Si tratta di un prestito a tasso zero per importi compresi tra i 5.000 euro e i 50.000 euro, senza garanzie personali e con un piano di ammortamento della durata massima di 7 anni. Si ha accesso a questa tipologia di prestito nell’ultima fase formativa del Programma sul sostegno all’auto-imprenditorialità di Garanzia Giovani. Questo programma è rivolto a giovani con un’età compresa fra i 18 e i 29 anni ed è progettato al fine di guidare il giovane imprenditore dalla fase di start-up a quella della realizzazione del suo progetto industriale. Il piano garantisce degli incentivi economici e prevede anche un percorso di formazione mirata durante tutte le fasi di sviluppo del progetto imprenditoriale.

Leggi anche: Finanziare l’acquisto della casa con un Mutuo

Come richiedere il Prestito per i giovani

Prima di richiedere qualsiasi prestito, è necessario fare la pianificazione finanziaria e valutare tutte le offerte disponibili sul mercato, e solo dopo si dovrebbe richiedere il prestito. Solo così si può ottenere il prestito più economico e che soddisfa meglio le proprie esigenze.

La procedura per richiedere il prestito giovanile, presso gli istituti di credito, è pressoché identica a quella delle altre tipologie di prestiti. Può essere richiesto in filiale oppure online e in alcuni casi, si avrà la possibilità di siglare il contratto del finanziamento tramite firma digitale. Una volta approvata la richiesta, affinché l’ottenimento della somma vada a buon fine, si dovranno consegnare all’istituto bancario tutti i documenti da lui richiesti.

Tutt’altro è invece il procedimento di invio della richiesta per i prestiti a fondo perduto erogati da enti regionali, statali ed europei. Ad esempio, nel caso del Prestito a fondo perduto statale destinato ai giovani imprenditori, inizialmente si dovrà scaricare il modulo di richiesta via web sui portali delle diverse Camere di Commercio. Il modulo compilato, insieme al progetto d’impresa, il certificato di vigenza, il certificato che la sede della società si trovi nei territori di applicazione della legge e il certificato che dichiari che la nuova società sia costituita da soci con età compresa tra i 18 e i 35 anni si dovranno spedire con raccomandata A/R al Sede di Sviluppo Italia a Roma oppure si possono inviare presso una delle sedi regionali della società. Dopo circa 6 mesi Sviluppo Italia comunicherà agli aspiranti richiedenti l’esito della domanda e in caso di esito positivo, i potenziali richiedenti saranno invitati a sostenere un colloquio a Roma per definire il piano esecutivo per l’ottenimento del finanziamento a fondo perduto.

Leggi anche: Conviene ancora Investire in Bitcoin?