L’assicurazione auto rappresenta una delle voci di spesa più pesanti nei bilanci delle famiglie italiane e si tratta di una spesa obbligatorio se si circola con l’automobile su strada.

L’assicurazione auto o RC Auto o semplicemente RCA è infatti indispensabile in caso di sinistro stradale poiché garantisce il risarcimento danni provocati a terzi durante la circolazione dell’auto.

In Italia, il settore delle assicurazioni auto è un settore particolarmente concorrenziale ed essendo le compagnie assicurative numerose, spesso individuare la polizza auto più conveniente può diventare un problema.

Il prezzo di un RCA, spesso, varia sensibilmente da una compagnia assicurativa all’altra, ma il premio da pagare non deve essere considerato il fattore determinante nella scelta dell’assicurazione auto. Infatti, sono diversi fattori che devono essere presi in considerazione prima di stipulare una polizza assicurativa.

Leggi anche: Confronta Gratis le Polizze Assicurative

Confrontare i preventivi RCA di diverse compagnie assicurative

Le assicurazioni auto non sono tutte uguali e non esiste, neppure, la polizza auto più economica in assoluto, ma esiste l’assicurazione auto più adatta alle proprie specifiche esigenze.

Spesso, molti fanno l’errore di rinnovare passivamente l’assicurazione auto in scadenza, pagando così di più e non stiamo parlando solo del premio, ma anche di tutte le spese che si possono sostenere in caso di un incidente e per le quali può non essere prevista la copertura. Per tale motivo sarebbe opportuno, che prima della scadenza del RCA, fare una ricerca di tutte le offerte presenti sul mercato, mettendo a confronto molti preventivi assicurazione auto. Attraverso il confronto dei preventivi assicurazioni auto di diverse compagnie assicurative, si può ottenere un risparmio di molte centinaia di euro in termini di premio e di migliaia di euro in caso di incidente.

Dopo aver fatto una ricerca sulle diverse offerte di assicurazioni auto presenti nel mercato e aver verificato che la compagnia assicurativa sia riconosciuta dall’IVASS e autorizzata ad operare sul territorio italiano è il momento di scegliere la RC Auto più adatta alle proprie esigenze.

Gli elementi che si devono analizzare prima di scegliere l’assicurazione auto sono diversi e non si tratta solo dell’importo del premio, ma anche delle garanzie accessorie, dei massimali e franchigie, delle clausole di esclusione e rivalsa e molto altro.

Valutando in modo corretto tutti gli elementi e solo dando il giusto peso a ogni elemento valutato, si può trovare la polizza più adatta alle proprie esigenze.

Leggi anche: Il Manuale più Completo di Analisi Tecnica Gratis

Cos’è il premio nell’assicurazione auto

Il premio assicurativo è l’importo che il contraente versa alla compagnia assicurativa in cambio della copertura di rischio indicata nella polizza. In questo modo, la società assicuratrice all’eventuale verificarsi di un sinistro corrisponde al o ai beneficiari della polizza l’importo pattuito. Volendo semplificare, il premio assicurativo è il costo della polizza.

Il pagamento del premio può avvenire in una soluzione unica, in due tranche oppure ratealizzato nel tempo.

Leggi anche: Come scegliere il Conto corrente

Cosa sono le garanzie accessorie nell’assicurazione auto

Le garanzie accessorie o anche Assicurazioni Rischio Diverso coprono rischi diversi non previsti dalla classica assicurazione auto e sono un fattore che incide sul prezzo. In fase di valutazione sarebbe opportuno rapportare il costo della polizza ai servizi e alle garanzie incluse.

Scegliere le garanzie accessorie in base al prezzo si può spesso rivelare una scelta controproducente, quindi sarebbe meglio rapportarle alla tipo di veicolo o al luogo in cui ci si trova. Fra le diverse tipologie di garanzie accessorie possiamo menzionare:

  • Furto e Incendio. Tutela l’auto contro i furti o gli incendi. Nel primo caso, copre i danni materiali derivanti dal furto totale o parziale, mentre nel secondo copre quelli subiti durante un incendio.
  • Kasko. Garantisce contro i rischi che derivano dalla circolazione del veicolo, indipendentemente dalla responsabilità del conducente e che vengono definiti in modo puntuale dalle clausole contrattuali. Oltre alla kasko a valore intero, esistono altre kasko meno costose come ad esempio a primo rischio assoluto, a primo rischio relativo, a secondo rischio o collisione.
  • Tutela legale. Garantisce l’assicurato per le controversie giudiziali o stragiudiziali causate dalla circolazione del veicolo, sia nel caso in cui venga chiamato in causa da terzi, sia nel caso in cui agisca a difesa dei suoi diritti.
  • Eventi atmosferici. Garantisce il risarcimento dei danni materiali subiti dall’auto a causa di un evento atmosferico, tranne l’incendio, come ad esempio: grandine, alluvioni, inondazioni, valanghe, uragani ecc.
  • Atti vandalici. Garantisce il pagamento di danni generati da teppismo o atti vandalici. È importante controllare molto bene in ogni contratto assicurativo quali eventi sono garantiti e quali invece sono stati esclusi dalla compagnia assicurativa.
  • Cristalli. Garantisce le spese di sostituzione o riparazione dei cristalli dell’auto assicurata a causa di rotture provocate da terzi o da eventi accidentali. È sempre bene controllare quali casi dalla garanzia.
  • Assistenza del conducente. Garantisce una serie di prestazioni in caso di incidente, furto, incendio o guasto del veicolo e delle sue parti. Si attiva quando l’assicurato si trova in Italia, ad oltre 25 kmda casa, o all’estero, laddove opera la garanzia RCA.

Leggi anche: Proteggere un prodotto tecnologico con una polizza assicurativa

Cosa sono i massimali e la franchigia nell’assicurazione auto

I massimali minimi di legge rappresentano la somma massima che la compagnia assicurativa è disposta a pagare in caso di danno provocato a persone o cose dal soggetto assicurato. Data la sua importanza è consigliabile scegliere una polizza dal massimale più alto che potrà assicurare una copertura maggiore a fronte di un premio più alto.

Invece, la franchigia rappresenta quella parte del rimborso a carico dell’assicurato che quindi non viene coperto dalla compagnia, il suo importo viene stabilito al momento della stipula del contratto e può essere di due tipi, assoluta o relativa.

Leggi anche: Proteggersi dagli eventi negativi con una polizza assicurativa

Cosa sono le clausole di esclusione e il diritto di rivalsa nel RCA

La clausola di esclusione definisce le limitazioni previste dal contratto assicurativo sulla copertura da parte della stessa assicurazione auto in caso di incidente. I casi più comuni previsti nella clausola di esclusione sono: guida in stato di ebbrezza, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti senza patente o con patente scaduta, guida di un veicolo con motore truccato o con pneumatici non omologati, conducente diverso da quello indicato nel contratto di assicurazione auto e conducente con età inferiore a quella prestabilita da contratto.

Si può, però, richiedere alla stipula della polizza assicurativa la rinuncia al diritto di rivalsa da parte dell’assicurazione per ogni caso violato, oppure prevedere la limitazione del diritto di rivalsa ad un importo massimo predefinito.

Leggi anche: Finanziare l’acquisto dell’auto con un Prestito auto

Altri fattori da valutare prima di scegliere l’assicurazione auto

Alcuni altri fattori che possono essere presi in considerazione durante la fase di valutazione fra le diverse RCA possono essere:

  • L’installazione o meno della scatola nera. La scatola nera o Check Box è un dispositivo mobile da installare sulle autovetture per rilevare in modo oggettivo tutti i dati relativi alla condotta di guida, sinistri inclusi. Installare la scatola nera può garantire un margine di risparmio considerevole in termini monetari e non solo. Infatti, la scatola nera può aiutare a ritrovare il tuo veicolo in caso di furto o ricevere un’assistenza immediata in caso di bisogno.
  • La scelta di soluzioni assicurative giornaliere o a chilometro. Un modo per risparmiare sulla polizza auto potrebbe essere quello di valutare soluzioni assicurative “a tempo”. Se ad esempio l’auto viene utilizzata solo nel weekend o per muoversi in città, può essere conveniente valutare le polizze che consentono di ridurre il periodo di assicurazione dell’auto, limitandolo a pochi giorni o mesi, oppure ad un numero definito di chilometri.

Leggi anche: Con un prestito vacanze e un’assicurazione viaggi tutti possono partire

Cosa verificare prima di firmare il contratto RCA

Nel momento della firma del contratto RCA che soddisfa di più le proprie specifiche esigenze, si deve fare molta attenzione ed in particolare:

  • Si deve verificare che il premio da pagare non sia diverso da quello iniziale
  • Si deve valutare con attenzione la presenza di eventuali clausole di esclusione.
  • Si deve assicurare che la compagnia assicurativa non eserciti il diritto di rivalsa.
  • Si deve verificare che il contratto non preveda garanzie facoltative non richieste.
  • Si deve controllare con attenzione che i dati contenuti nella polizza siano identici a quelli riportati sul libretto di circolazione.

Solo dopo essere sicuro che il prodotto che si sta acquistando è quello voluto, si dovrebbe sottoscrivere il contratto dell’assicurazione auto, altrimenti se non si è sicuri è meglio lasciar perdere.

Leggi anche: La Classifica delle Banche USA nel 2018