Negli ultimi anni sono aumentate le cause contro le banche nella gran parte dei paesi sviluppati. Sono state accusate di aver portato quasi al collasso il sistema economico e finanziario mondiale. E come se non bastasse, sono state accusate di aver manipolato i mercati, i tassi di interesse, di aver venduto prodotti rischiosi nascondendo la loro rischiosità, di aver praticato commissioni e pratiche illegali nel loro operato e non solo.

Tutte queste accuse alla fine sono risultate vere perché anche i tribunali hanno dato ragione. Infatti, tra risarcimento e multe, negli ultimi 7 anni le venti delle più grandi banche del mondo sono state condannate a pagare più di 206 miliardi dollari. In particolare sono stati condannati per:

  1. I mutui subprime USA, che furono la causa principale della crisi finanziaria e poi economica
  2. Truffe su prodotti assicurativi in Gran Bretagna
  3. Altri contenziosi negli Usa come ad esempio manipolazioni del mercato dell’energia, pratiche di recupero crediti non corrette, overdraft illegali, commissioni di carte di credito illegali ecc.
  4. Manipolazione del mercato Forex
  5. Manipolazione dei tassi di interessi come Libor, Euribor e ISDA fix
  6. Violazione della normative dell’antiriciclaggio negli USA (AML)
  7. Evasione fiscale
  8. Perdite causate nel caso Whale. Whale era un trader che con il suo trading porto rilevanti perdite alla JpMorgan e alla clientela della Banca.

 La banca più colpita risulta essere la Bank of America con quasi 80 miliardi di dollari da pagare come risarcimento danni e multe con quasi il 40% del totale. Invece al secondo posto si trova JpMorgan con quasi 38 miliardi con quasi il 19% del totale.

multe alle banche

I mutui Subprime risulta essere l’oggetto principale con il 70% del totale su quali le banche sono state multate e al secondo posto si trovano le truffe di prodotti assicurativi con il 16%.

totale multe alla banche

I dati sono stati forniti da KBW analysts, Reuters, banche e altre autorità governative.

Leggi anche: Euribor negativo, ma non per il nuovo contratto del mutuo