Ancora oggi, la maggior parte delle persone vuole acquistare casa e non rimanere in affitto. Per raggiungere tale obiettivo, nella maggior parte dei casi, si va a indebitarsi per un periodo di tempo che va dai 15 fino ai 30 anni. Solo alcuni riescono a diventare proprietari pagandola in contanti oppure ereditandola.

La prassi per finanziare l’acquisto della casa e quello di richiedere un mutuo presso un istituto di credito. Il mutuo di solito non supera gli 80% del valore dell’immobile, perché le banche cercano di ridurre il rischio il più possibile. Nonostante nella maggior parte dei casi le banche preferiscono questa tipologia di mutuo, non mancano neanche le banche che sono disposte ad offrire un mutuo che copre l’intero valore della casa, ossia un mutuo 100%.

Il mutuo 100% è una particolare soluzione di finanziamento che viene concessa da alcuni istituti di credito per finanziare l’intero valore commerciale dell’immobile che si intende acquistare.

Può essere concesso a tasso fisso oppure a tasso variabile. Nel primo caso, si ha la certezza di una rata costante per l’intera durata del mutuo e la sicurezza di non subire improvvisi rialzi del tasso. Nel secondo caso, si può godere di un risparmio nell’immediato, ma si è più soggetti a possibili fluttuazioni del mercato finanziario, che potrebbero provocare anche un sensibile aumento della rata del mutuo.

Nella maggior parte dei casi, l’offerta di mutui 100% è rivolta agli under 35 che intendono acquistare la prima abitazione. Coloro, invece, che appartengono ad una fascia di età superiore o che desiderano richiedere un mutuo per acquistare una seconda casa, dovranno optare per altre soluzioni di finanziamento a copertura parziale.

Questa tipologia di mutuo viene, di norma, concessa solo a coloro che possiedono, oltre ai requisiti standard, alcuni specifici requisiti e che allo stesso tempo possono fornire ulteriori garanzie.

Quali sono i requisiti richiesti per ottenere il Mutuo 100%

Come abbiamo già detto prima, il mutuo 100% è una soluzione di finanziamento particolarmente rischiosa per le banche ed è per questo che diventa più difficile ottenerla.

Una regola semplice che potete adottare per verificare se la vostra richiesta, per un mutuo 100% o qualsiasi altra tipologia di mutuo, sarà scartata subito oppure no è quella di calcolare l’importo della rata e confrontarlo con il reddito mensile.

La regola adottata in genere dalle banche prevede che l’importo della rata non superi un terzo del reddito mensile. In questo modo è possibile verificare subito la sostenibilità della rata in base al reddito percepito e solo se la rata è sostenibile allora ha senso fare la richiesta per il mutuo. Esistono diversi siti online oppure app che ti permettono di calcolare la rata, mettendo l’importo, la durata e il tasso di interesse applicato che è facilmente trovabile sul sito dell’istituto di credito nel quale si intende richiedere il mutuo.

Le probabilità di riuscire ad ottenere un mutuo per l’acquisto della prima casa, in genere, aumentano se si ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato e delle entrate finanziarie stabili e sufficienti a coprire la rata e tutte le spese. Inoltre, è importante che non si abbiano segnalazioni al CRIF come cattivo pagatore, avvenute in seguito a ritardi o mancati pagamenti delle rate di finanziamenti richiesti in passato.

Anche se il reddito percepito è sufficiente e stabile e allo stesso tempo nel passato creditizio non ci siano stati grossi problemi, questo non basta alla banca per concedere il mutuo 100%. La banca richiederà di iscrivere l’ipoteca sull’immobile oggetto del mutuo e di sottoscrivere una polizza assicurativa fideiussoria.

La polizza assicurativa fideiussoria è una specifica assicurazione che la Banca d’Italia ha imposto agli istituti di credito per erogare questo tipo di mutuo (delibera CICR del 22/04/1995) e che copre, appunto, la parte eccedente l’80% del valore dell’immobile.

In mancanza della polizza fideiussoria nessuna banca potrà superare l’80% del valore dell’immobile ipotecato. Sarà inoltre la banca a decidere se i costi della polizza che potranno essere corrisposti interamente al momento della stipula, oppure in un secondo momento.

Come scegliere il mutuo 100% più conveniente

Per poter scegliere il mutuo 100% più conveniente si devono fare due cose. La prima è la pianificazione finanziaria, che consiste nell’analisi della situazione economica, finanziaria e patrimoniale, invece, la seconda è la raccolta di preventivi.

Sono diverse le banche che concedono mutui al 100% e non tutte le offerte sono uguali. Alcune offerte sono più vantaggiose, e altre di meno. Ciò rende necessario di fare una ricerca tra i diversi istituti di credito per scegliere il mutuo più economico. La ricerca può essere fatta nei siti delle banche oppure si possono utilizzare i diversi siti di comparazione mutui nei quali vengono confrontate le offerte di diverse banche.

Tra i diversi preventivi si devono escludere quelle offerte che hanno dei requisiti che non si possono soddisfare e infine tra quelli rimanenti si deve scegliere quello che a parità di altre condizione abbia un TAEG inferiore e non un TAN inferiore.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del mutuo 100%

Il mutuo al 100%, come qualsiasi altra tipologia di finanziamento per la l’acquisto della casa, presenta vantaggi e svantaggi, alcuni sono oggettivi e altri soggettivi.

Un vantaggio non trascurabile che il mutuo 100% è quello di permettere l’acquisto della prima casa anche a quei giovani che non dispongono della liquidità sufficiente per anticipare l’intero costo della proprietà da acquistare. Grazie a questo prodotto creditizio non si deve versare alcuna somma di denaro in anticipo.

Il mutuo 100 per cento ha però anche i suoi svantaggi. Rappresenta infatti una forma di finanziamento particolarmente difficile da ottenere, se non in seguito alla presentazione di validi titoli di garanzia. Inoltre, trattandosi di un’operazione particolarmente rischiosa per l’istituto di credito, quest’ultimo cercherà di tutelarsi applicando un tasso d’interesse più alto, rispetto ad altre tipologie di finanziamenti. Il tasso di interesse applicato ai mutui 100%, di solito, va da un minimo dello 0,20% fino a un massimo pari allo 0,50% in più rispetto al tasso di interesse dei finanziamenti classici.

Leggi anche: Come scegliere l’università senza sbagliare