Social Impact Bond: lo strumento finanziario ad impatto sociale

Il social impact bond è un nuovo strumento finanziario implementato per la prima volta nel 2010 nel Regno Unito e successivamente diffuso in altri paesi. Si tratta di uno strumento finanziario che si basa sull’idea di finanziare interventi a carattere sociale e/o ambientale attraverso l’uso di capitale privato. Mediante tale strumento, le Pubbliche Amministrazioni possono ottenere i capitali necessari per risolvere le sfide sociali e ambientali che vi si presenteranno, tra cui il fenomeno dei senzatetto, la giustizia minorile, gli alti tassi di recidiva nella commissione di reati, problemi riguardanti la sanità, l’istruzione, la disoccupazione e altre sfide simili. Invece,… CONTINUA A LEGGERE

La guida completa sui prodotti assicurativi

Le compagnie di assicurazione sono le aziende che producono i prodotti assicurativi, i quali successivamente vengono venduti alla clientela attraverso diversi canali di vendita. I prodotti assicurativi vengono utilizzati sia per la copertura contro possibili ostacoli e incidenti nel corso della vita, ma anche come forma alternativa di investimento. Nel tempo, la gamma dei prodotti assicurativi è aumentata in misura rilevante, passando dalle iniziali forme tradizionali di assicurazione contro i rischi, ai prodotti assicurativi più complessi come ad esempio le polizze unit linked e index linked. Cosa significa il termine “assicurazione” L’articolo 1882 del Codice Civile italiano, definisce l’assicurazione come… CONTINUA A LEGGERE

Impact Investing. Un modo alternativo di investire

Negli ultimi anni sta crescendo il numero degli investitori che non sono più orientanti solo al profitto, ma sono orientanti anche a generare impatti positivi sulle comunità e l’ambiente tramite il proprio capitale investito. Questa tipologia di investimento prende il nome di Social Responsible Investing (SRI), che in italiano sarebbe Investimento Socialmente Responsabile. Gli Investimenti Socialmente Responsabili ammontano nel 2015 a circa 21.400 miliardi di dollari distribuiti per il 63,7% in Europa, per il 30,8% negli USA e per la restante parte in Canada, Australia e Asia. Questo comparto ha registrato negli anni uno sviluppo accelerato. Cosa si intende con… CONTINUA A LEGGERE

Come può un’azienda coprirsi dal rischio di cambio

Sono molte le aziende che operano a livello globale e per tale motivo sono esposte al rischio di cambio. Con tale termine si intendono le conseguenze che variazioni non attese dei tassi di cambio possono produrre sull’economicità dell’impresa. Tali effetti possono essere diretti e manifestarsi nel breve periodo, come accade, ad esempio, nel caso della svalutazione della sterlina rispetto al euro per un debitore inglese in euro, oppure indiretti e associati alle variazioni prodotte sugli equilibri di lungo periodo da modificazioni nei livelli relativi dei prezzi. Poiché le oscillazioni del tasso di cambio si ripercuotono, con diversa intensità, su una… CONTINUA A LEGGERE

Investire in Titoli cartolarizzati

Alcuni risparmiatori non preferiscono investire in azioni oppure in obbligazioni i propri risparmi, ma preferiscono investire in prodotti più sofisticati. Questi prodotti spesso sono troppo complessi da capire come funzionano e ciò rende difficile fare un’analisi per poter decidere se conviene oppure no investire. Una tipologia di strumenti finanziari, più complessi rispetto agli investimenti tradizionali come le azioni e le obbligazioni, che viene utilizzato per investire in borsa sono i titoli cartolarizzati. La maggior parte delle persone sicuramente ha conosciuto i titoli cartolarizzati negli ultimi anni dalle TV e dai giornali. Cosa sono i Titoli cartolarizzati I titoli cartolarizzati sono… CONTINUA A LEGGERE