Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

trading petrolio brent wti borsaUna delle materie prime preferite dagli investitori che si occupano di trading è il petrolio. Ogni investitore sia in Italia che nel mondo, ha la possibilità di investire nel petrolio le risorse monetarie disponibili, però chi lo fa deve essere cosciente dell’elevato rischio che tale investimento comporta. Basta fare riferimento all’andamento del prezzo negli ultimi anni per rendersi conto dell’elevata volatilità che lo caratterizza.

L’investimento in petrolio non è adatta a tutti gli investitori. Tra gli investitori istituzionali sono gli Hedge funds che investono maggiormente in un strumento finanziario cosi rischioso.

Leggi anche: Come gli Hedge funds stanno influenzando il prezzo del petrolio

Cos’è il Petrolio

Il petrolio è un combustibile fossile, come il carbone e il gas naturale. Le combustibili sono prodotti da resti di piante e animali morti centinaia di milioni di anni fa e dopo essersi rimasti sepolti per milioni di anni si sono trasformati in petrolio e carbone. Se vogliamo essere più precisi nel definire il petrolio, possiamo dire che si tratta di una miscela naturale di idrocarburi liquidi e altre sostanze di origine fossile, che si trovano in rocce sedimentarie e associata a idrocarburi gassosi e solidi in quantità minori. Si tratta di una fonte di energia non rinnovabile e quindi destinata ad esaurirsi in futuro.

Leggi anche: Prezzo del petrolio, fracking e terremoti

Utilizzo del petrolio nell’economia reale mondiale

Il petrolio ha un ruolo rilevante nello sviluppo e nella crescita economica mondiale. Il suo utilizzo nell’economia reale mondale è ampio e se vogliamo sintetizzare possiamo dire che il petrolio viene utilizzato per produrre i seguente prodotti:

  • Produzione dei combustibili come la benzina, il gasolio e altre sostanze dette derivati del petrolio
  • Produzione delle materie plastiche, attraverso gli idrocarburi semplici di cui è composto il petrolio
  • Maturazione della frutta più rapidamente, attraverso l’etilene di cui è composto il petrolio
  • Produzione di detergenti con poca schiuma
  • Produzione dell’alcol etilico
  • Produzione di presente numerosi imballaggi, oggetti stampati e rivestimenti
  • Produzione del polistirolo, usato come isolante in edilizia
  • Produzione del PVC
  • Produzione di gomme sintetiche, succedanei e come solvente
  • Produzione di prodotti intermedi come il fenolo, l’anilina, lo stirene e il cloro benzene, utilizzati per coloranti, fibre, resine, materie plastiche, gomme sintetiche, prodotti farmaceutici, insetticidi, detersivi, fibre tessili.

A loro volta i derivati del petrolio sono poi utilizzati come combustibili nelle centrali termoelettriche per la produzione di energia elettrica e in impianti di riscaldamento domestico e di produzione di acqua calda.

Da cosa dipende il prezzo del Petrolio

Come il prezzo di qualsiasi materia prima, anche il prezzo del petrolio dipende da una serie di fattori. Come qualsiasi bene e servizio che si compra e si vende esiste una domanda e un offerta. Se la domanda di petrolio è maggiore dell’offerta, allora il prezzo tenderà ad aumentare. Se, invece, la domanda di petrolio è inferiore dell’offerta il prezzo tenderà a scendere.

La domanda mondiale di petrolio dipende da diversi fattori che in questa sede non possiamo elencare tutti, ma in linea generale possiamo menzionare l’andamento del PIL, la disoccupazione, cambiamenti demografici, il costo del denaro, la modifica dei bisogni, il reddito, l’elasticità o la rigidità della domanda, le aspettative sul futuro ecc.

Anche l’offerta mondiale di petrolio è influenzata da tanti fattori e in questa sede menzioniamo solo alcuni di essi come ad esempio il fattore geopolitico, la scoperta di nuovi giacimenti, il fattore ambientale e meteorologico, il cambiamento delle leggi, l’utilizzo di nuova tecnologia, il fisco ecc. L’inizio di guerre in paesi esportatori di petrolio, fa diminuire l’offerta e di conseguenza fa aumentar il prezzo. La scoperta di nuovi giacimenti da l’effetto opposte, riducendo il prezzo. Condizioni climatiche avverse possono bloccare i trasporti, facendo ridurre l’offerta e di conseguenza aumentare i prezzi a dismisura. Norme che assicurano una maggiore protezione dell’ambiente, maggiore protezione dei diritti dei lavoratori possono far aumentare i prezzi del petrolio. Dall’altra parte, con l’utilizzo di nuova tecnologia nell’estrazione del petrolio può portare ad una riduzione dei costi di produzione. Anche la riduzione delle imposte influenza positivamente l’offerta.

Come investire in Petrolio

Oggi un investitore ha la possibilità di investire in petrolio attraverso diversi strumenti finanziari, tra cui possiamo menzionare:

  • I Futures su West Texas Intermediate (WTi), rappresentativo del greggio degli USA ed è quotato al NYMEX, la Borsa merci di New York
  • I Futures su Brent Crude Oil, è il petrolio di riferimento europeo, estratto nel Mare del Nord ed è scambiato all’ICE di Londra
  • I Covered Warrants sul Petrolio
  • I Certificates sul Petrolio
  • Le azioni delle società che operano nel settore petrolifero
  • Altri strumenti finanziari

Leggi anche: Trading: Analisi fondamentale del settore Oil e Gas nella Borsa Italiana

Possiamo concludere ricordando che prima di investire in petrolio è necessario sfruttare tutti gli strumenti che l’analisi finanziaria fornisce per decidere se investire o meno. L’ultimo consiglio, ma non meno importante è quello di diversificare sempre le proprie risorse monetarie per ridurre il rischio.

Leggi anche: Trading: Come investire in Commodities nella Borsa italiana