Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Hedge funds tradingIl risparmiatore di oggi ha una elevata gamma di strumenti finanziari su cui investire i propri risparmi. Nonostante ciò alcune forme di investimento non sono accessibili a qualsiasi risparmiatore.

Una forma di investimento non adatto a qualsiasi investitore, ma bensì ad investitori facoltosi, considerando la quota minima di investimento iniziale, sono gli Hedge funds. Possiamo definire un Hedge fund come una particolare tipologia di fondo di investimento che ha la possibilità di usare senza limiti strumenti e/o strategie di investimento come lo Short selling, i Strumenti derivati e la Leva finanziaria.

Per una trattazione più dettagliata sui Hedge funds leggi: Trading: Investire in Hedge funds

Per una trattazione più dettagliata sullo Short Selling e la Leva finanziaria leggi: Come guadagnare di più nel trading azionario in Borsa, assumendo più rischio

Per una trattazione più dettagliata sui Strumenti derivati leggi: Trading: Investire in Strumenti Derivati. Conoscere Options e Swaps oppure Trading: Investire in Strumenti Derivati. Conoscere Forwards e Futures

Meno di un anno fa, avevamo fatto un analisi sulle performance di alcuni dei principali indici rappresentativi degli Hedge funds. Gli indici utilizzati furono quelli costruiti da Credit Swiss è rappresentavano le principali strategie di investimento degli Hedge funds.

Le performance degli Hedge funds furono confrontati con le performance di alcuni dei principali indici di Borsa come ad esempio S&P 500, Dow Jones World Index, Dow Jones World Emerging Index ecc. Dal confronto era emerso che a parità di rischio un investimento in Hedge funds aveva portato benefici maggiori in termini di rendimento rispetto ad una gestione passiva, replicando l’indici di Borsa.

Per una trattazione più dettagliata dell’analisi precedente leggi: Trading: Confronto tra Hedge funds e Indici di Borsa

Conviene investire in Hedge funds oppure ricorrere ad una Gestione passiva nel 2016

Anche questa volta i dati che saranno utilizzati sono forniti da Credit Swiss. Nella nostra analisi saranno presi in considerazione indici di Hedge funds con diverse strategie di investimento, ma anche alcuni dei principali indici di Borsa rappresentativi di settori che più si avvicinano alle strategie di un determinato Hedge funds.

Le statistiche utilizzate per il confronto sono: il rendimento medio annuale, la volatilità e l’indice di Sharpe. Ricordiamo che la volatilità misura la variazione percentuale del prezzo di un strumento finanziario nel tempo, invece l’indice di Sharpe misura il rapporto tra il maggior rendimento di un fondo rispetto al rendimento di un prodotto finanziario senza rischio e la sua volatilità.

Nella tabella sottostante ci sono i dati sul rendimento annuale, la volatilità annuale e l’indice di Sharpe, relativo al periodo che va dal gennaio 1 febbraio 2015 fino al 1 febbraio 2016, del Credit Suisse All Hedge Index e di altri indici rappresentativi delle diverse strategie di investimento degli Hedge funds.

Index / Sub Strategies Rendimento annuale Volatilità Indice di Sharpe
Credit Suisse AllHedge Index -4.81% 6.45% 0.14
Convertible Arbitrage -1.53% 10.32% -0.01
Dedicated Short Bias 9.52% 15.34% -0.51
Emerging Markets -5.85% 12.76% 0.23
Equity Market Neutral 6.60% 8.75% -0.28
Event Driven -8.56% 7.53% 0.23
Fixed Income Arbitrage 0.27% 8.63% -0.37
Global Macro -7.55% 7.97% -0.12
Long/Short Equity -4.74% 8.44% 0.19
Managed Futures -4.67% 10.56% 0.37
Multi-Strategy 0.83% 6.76% 0.23

Gli unici Hedge funds che hanno realizzato un rendimento positivo nel 2015 sono i Dedicated Short Bias, Equity Market Neutral, Fixed Income Arbitrage e Multi-Strategy. Dai dati risulta che se un investitore investiva in Hedge funds nel peggiore dei casi avrebbe perso 8.56% del capitale investito e nel migliore dei casi avrebbe guadagnato 9.52% del capitale investito.

Nella tabella sottostante ci sono i dati sul rendimento annuale, la volatilità annuale e l’indice di Sharpe, relativo al periodo che va dal gennaio 1 febbraio 2015 fino al 1 febbraio 2016 di alcuni dei principali Indici di Borsa.

Rendimento annuale Volatilità Indice di Sharpe
S&P 500 -0,67% 14,48% 0,41
S&P Goldman Sachs Commodities Index -31,17% 24,01% -0,43
Credit Suisse High Yield II Index -6,91% 9,34% 0,54
Citigroup World Government Bond Index -2,71% 6,58% 0,28
Dow Jones World Index -8,70% 16,21% 0,15
Dow Jones World Emerging Index -22,32% 22,86% 0,14

Se un investitore sarebbe ricorso ad una gestione passiva del portafoglio titoli replicando alcuni dei principali indici di Borsa avrebbe perso in un anno parte del capitale investito. Nel migliore dei casi, se replicava l’Indice S&P 500 avrebbe perso solo 0.67% del capitale investito e nel peggiore dei casi avrebbe perso 31.17% del capitale investito se replicava S&P Goldman Sachs Commodities Index.

Se confrontiamo le performance degli Indici di Hedge funds con gli Indici borsistici risulta che a parità di rischio si realizza un rendimento maggiore nell’investimento in Hedge funds rispetto all’investimento in un indice borsistico. Facciamo un esempio, prendendo in considerazione due investitori che hanno investito i propri risparmi nei Mercati emergenti, nel periodo che fa riferimento la nostra analisi, dove il primo ha investito i risparmi in un Hedge fund, invece l’altro replico l’andamento di un indice di Borsa come Dow Jones World Emerging Index. Dai dati dell’analisi risulta che il primo investitore avrebbe perso 5.85% del capitale investito, invece il secondo avrebbe perso 22.32% del capitale investito. Nel primo caso, l’investimento sarebbe stato caratterizzato da una volatilità del 12.76%, invece nel secondo caso una volatilità del 22.86%.

Conclusione

Anche questa volta dall’analisi emerge che l’investimento in Hedge funds comporta maggiori benefici in termini sia di rischio che di rendimento per un investitore rispetto ad una gestione passiva replicando un indice di Borsa. Infatti a parità di rischio, investendo in Hedge funds si può avere un rendimento maggiore rispetto all’investimento in un indice borsistico.

Leggi anche: Trading: Investire in Contratti per Differenza (CFD)