Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

francia trading bancaCon un semplice conto titoli, aperto in un qualsiasi banca, un risparmiatore può avere accesso e investire i propri risparmi nei titoli azionari quotati nelle diverse borse mondiali. Chi vuole investire nel sistema bancario, oltre al trading delle azioni delle banche italiane, può inserire anche azioni di banche francesi per avere una maggiore diversificazione. E’ fondamentale sapere che il trading azionario può comportare guadagni elevati, ma anche la perdita dell’intero capitale investito, ed è per questo importante effettuare un analisi finanziaria approfondita, prima di investire i propri soldi.

Nel sistema finanziario francese operano molte banche che sono quotate nel Euronext Paris e che oggi andremo ad analizzare ricorrendo all’analisi fondamentale. Utilizzando i multipli di borsa e diversi indicatori di bilancio si cercherà di eliminare come primo passo le banche su cui non conviene investire a meno che non si ha conoscenza di informazioni riservate, oppure non si vuole fare trading di brevissimo periodo.

Nell’analisi fondamentale delle azioni delle banche saranno utilizzati il ROE E ROS, oltre ai multipli di Borsa P/E, PBV e PS. I dati sulle banche quotate nella Borsa Italiana sono stati forniti dal stock screening del giornale prestigioso Financial Times al mese di luglio 2015.

In totale abbiamo 16 banche francesi da analizzare con l’analisi fondamentale. Per sette banche il nostro consiglio è Neutral, perché’ non abbiamo abbastanza informazioni per decidere se investire o meno. Le banche francesi con il consiglio Neutral sono: Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel Alpes Provence, Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel de la Touraine et du Poitou COFAV, Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel de Nord de France SC, Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel de Paris et d’Ile de France, Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel du Languedoc SC, Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel Sud Rhone Alpes e Credit Industriel et Commercial SA.

banche francesi

Sono cinque le banche che dalla combinazione di tutti gli indicatori di analisi fondamentale risultano essere sopravvalutate: Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel Loire Haute-Loire, Credit Agricole du Morbihan SC, Credit Agricole SA, Natixis SA e Societe Generale.

Le uniche banche che risulta essere sottovalutate secondo l’incrocio di tutti gli indicatori di analisi fondamentale utilizzati sono: Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel Atlantique Vendee SC, Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel Brie Picardie, Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel de Normandie Seine SC e Caisse Regionale de Credit Agricole Mutuel Toulouse 31 SC.

In conclusione è importante sottolineare che insieme all’Analisi fondamentale, utilizzare anche l’Analisi tecnica, l’Analisi quantitativa, l’Analisi settoriale e l’Analisi macroeconomica per ridurre al minimo il rischio e per realizzare un investimento ottimale. Se si hanno informazioni riservate oppure si vuole investire in un ottica di brevissimo periodo sfruttando le variazioni del prezzo si può investire anche in azioni il cui consiglio è Sell oppure Neutral.

Leggi anche: Trading: Analisi fondamentale delle Banche quotate nella Borsa tedesca oppure Trading: Analisi fondamentale delle Banche quotate nella Borsa Italiana

AVVERTENZA: L’accuratezza e l’affidabilità delle presenti informazioni non sono comunque in alcun modo e forma fonte di responsabilità da parte di www.verafinanza.com ne’ di alcuno. Tutte le informazioni pubblicate NON devono essere considerate un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di valori mobiliari. Le informazioni fornite sono frutto di notizie ed opinioni che possono essere modificate in qualsiasi momento e senza alcun preavviso. In ogni caso ne’ www.verafinanza.com, ne’ nessun’altro non si ritiene responsabile nei confronti di alcun utente o terze parti di eventuali danni diretti o indiretti dovuti ad un uso improprio delle informazioni fornite o da eventuali inesattezze o non completezza nelle informazioni e nei dati. Solo l’investitore è responsabile delle proprie azioni.