Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

produttivitaLa produttività è considerata una fattore chiave per la crescita economica e lo sviluppo economico di un paese. Maggiore è la produttività, maggiore sarà anche la competitività.

La produttività si calcola dividendo gli output con uno o più input, misurando cosi l’efficienza nell’utilizzo dei mezzi di produzione come il lavoro e il capitale in una economia per produrre un dato livello di output. La produttività può essere calcolata per un singolo input, ad esempio la produttività del lavoro, oppure per più input e quindi una produttività multifattoriale.

Un modo per misurare la produttività del lavoro in un determinato paese, che ci consente anche di confrontare diversi paesi, è quello dato dal rapporto fra PIL e ore lavorate. Le ore lavorate vengono calcolate sommando le ore lavorate di tutte le persone impegnate nella produzione.

Chi sono i paesi dell’OCSE più produttivi e chi sono quelli meno produttivi e come è cambiata la produttività del lavoro negli ultimi 10 anni?

Per confrontare i paesi dell’OCSE sarà utilizzato il rapporto fra PIL e ore lavorate. L’indicatore è misurato in dollari. Il PIL è a prezzi correnti (PPP). Nella grafico sottostante oltra al confronto fra i diversi paesi, il confronto sarà anche con la produttività del G7, dell’Area Euro e dell’Unione Europea. I dati sono forniti dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Dal confronto emerge che il paese con la maggiore produttività del lavoro è il Lussemburgo, nel quale la produttività è aumentata molto negli ultimi anni. Al secondo posto troviamo la Norvegia e la terzo posto gli Usa. Quello che non si aspettava da questa classifica e che un paese come la Germania si trovo al nono posto. Anche Francia fa meglio della Germania e si trova all’ottavo posto. Al sedicesimo posto troviamo l’Italia che fa peggio anche della media del G7 e della media dell’Area Euro. L’Italia viene superata anche dalla Spagna, ma va meglio della Gran Bretagna. Al penultimo posto troviamo la Russia e all’ultimo posto il Messico.

Tutti i paesi hanno visto un aumento della produttività del lavoro dal 2004 fino al 2015. Negli anni però la situazione è cambiata, spostando diversi paesi da una posiziona all’altra. Se nel 2004, ma anche nel 2009 il Canada era meno produttivo della Gran Bretagna, la situazione è cambiata nel 2014, dove troviamo un Canada più produttivo. Anche l’Italia fino al 2009 è meno produttivo della Gran Bretagna, ma lo supera nel 2014. Questo è avvenuto anche per altri paesi.

classifica dei paesi OCSE sulla produttivita' del lavoro

In conclusione si può dire che per il futuro di ogni paese è importante che si investe in ricerca e sviluppo e in risorse umane per aumentare la produttività.

Leggi anche: Le migliori universita’ di Scienze Sociali, Management ed Economia nel 2015