Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

investire in diamantiLa gamma degli investimenti alternativi a disposizione degli investitori è in continua crescita. Ricordiamo che con il termine investimento alternativo si fa riferimento agli investimenti che presentano particolari proprietà di relazione rischio/rendimento e che normalmente non si può trovare negli investimenti tradizionali come le azioni e le obbligazioni. Spesso, però, il target di riferimento di questa tipologia di investimento è rappresentato da investitori istituzionali e wealthy individuals.

Uno strumento alternativo di investimento sono anche i diamanti. I diamanti possono scintillare non solo per la loro bellezza o per la loro lavorazione, ma anche per il loro valore di mercato. Il mercato dei diamanti può rappresentare un’opportunità interessante per diversificare il proprio portafoglio di investimento. Come tutti sanno, la diversificazione è il fattore vincente che consente di ottenere rendimenti accettabili e allo stesso tempo ridurre il rischio del portafoglio.

Leggi anche: Trading: Investire in Hedge funds

Cosa sono i diamanti e come si creano

Il diamante è un minerale costituito da carbonio puro cristallizzato nel sistema monometrico, a pressioni tra 25 mila e 70 mila chili per centimetro quadrato e a temperature tra 1500 e 2000 gradi. cristallizzato Il processo avviene a circa 200 chilometri sotto la superficie terrestre e non è del tutto chiaro ed è per questo motivo che i diamanti prodotti artificiali sono diversi da quelli naturali.

Il diamante ha durezza dieci secondo la scala di Mohs e colore molto variabile. Per la sua tipica lucentezza, dovuta all’elevatissimo indice di rifrazione, è molto ricercato come gemma mentre la varietà opaca è utilizzata per scopi industriali.

I diamanti arrivano in superficie con le eruzioni vulcaniche, ma si salvano dalle elevate temperature della lava soltanto quelli inclusi in un minerale: la kimberlite.

Leggi anche: Trading: Investire nel Petrolio

I vantaggi dell’investimento in diamanti

Un investimento in diamanti può portare una serie di vantaggi, tra cui possiamo menzionare:

  • Una maggiore diversificazione
  • Una bassa correlazione con il benchmark dei mercati azionarie e obbligazionari
  • Non è sottoposto ad influenze politico-valutarie
  • L’altra potenzialità di rendimento
  • Viene considerato un bene rifugio
  • I guadagni sono essenti da tasse
  • È un bene tangibile, raro e di grande prestigio
  • È un bene sovrannazionale riconosciuto e vendibile in tutto il mondo
  • È un investimento che si può fare in totale anonimato.
  • È facilmente trasportabile
  • È un bene resistente e duraturo
  • Altre tipologie di vantaggi

Leggi anche: Trading: Investire in Oro non è sempre un buon investimento

I svantaggi dell’investimento in diamanti

Un investimento in diamanti ha una serie di svantaggi, tra cui possiamo menzionare:

  • La mancanza di omogeneità nei diamanti e quindi la difficolta di valutazione. Ogni pietra va valutata individualmente in base a diversi fattori.
  • La presenza di una forte componente umana e quindi discrezionale nella valutazione
  • Il rischio di comprare falsi e imitazioni oppure diamanti sintetici come diamanti naturali
  • La poca trasparenza del mercato dei diamanti
  • Il rischio di conservazione del diamante
  • L’illiquidità dell’investimento
  • Il rischio cambio
  • Il rischio di prezzo
  • Altri tipologie di rischi e svantaggi

Leggi anche: Trading: Come investire in Bitcoin per guadagnare soldi

Come acquistare e/o vendere un diamante

Chi dispone nel proprio portafoglio di investimento di diamanti può decidere di comprarne altri oppure di vendere una parte o tutti i diamanti che dispone. Ma anche chi non ha diamanti nel proprio portafoglio di investimento può decidere di acquistare diamanti per realizzare una maggiore diversificazione.

Tra i diversi canali di acquistare e/o vendere diamanti possiamo menzionare:

  • La vendita e/o l’acquisto presso commercianti o venditori professionali
  • La vendita e/o l’acquisto presso privati tramite annunci online e/o offline
  • La vendita e/o l’acquisto presso amici e/o conoscenti
  • Altri canali di vendita e/o acquisto

Spesso, anche in Italia, le banche giocano il ruolo di intermediari nella vendita di diamanti, collocando i diamanti di società come Intermarket Diamond Business, Diamond Private Investment, Diamond Love Bond ecc. Ricordiamo che la banca gioca solo il ruolo di un intermediario che viene remunerato mediante la commissione sulla vendita e quindi non offre nessuna garanzia sulla pietra.

Leggi anche: Come investire e valutare le Opere d’Arte

La carta d’identità di un diamante

Il diamante da investimento è quasi sempre accompagnato da un certificato gemmologico. Il certificato è un documento rilasciato da un laboratorio specializzato ed indipendente che ne garantisce l’autenticità e rappresenta la carta di identità del diamante. Nel certificato gemmologico vengono riportati tutti i parametri qualitativi (purezza, colore, taglio e peso) ed identificativi della pietra che concorrono a determinarne il prezzo in qualsiasi momento.

I laboratori specializzati che rilasciano i certificati sono tanti, ma solo in pochi sono riconosciuti a livello internazionale. I diamanti con certificazione emessa da laboratori riconosciuti a livello mondiale garantiscono una elevata calcolabilità e rivendibilità in tutto il mondo.

Tra i principali laboratori di certificazione possiamo menzionare: Gemological Institute of America, American Gem Society, International Gemmological Institute, European Gemological Laboratory, European Gemological Laboratory USA e Hoge Raad Voor Diamant di Anversa.

I certificati non sono tutti uguali, anche perché non esiste uno standard internazionale per la valutazione. Ciò comporta che lo stesso diamante può avere valutazioni diverse in base al laboratorio di certificazione. Nonostante il processo di valutazione sia rigido, rigoroso e supportato da speciali apparecchiature, nella valutazione c’è sempre necessaria una componente soggettiva.

Siccome alcuni laboratori sono più severi nella valutazione di altri che sono più generosi, ciò anche sul prezzo della pietra.

Tra le informazioni che si possono trovare in un certificato, possiamo menzionare:

  • Plottin diagram, in italiano Grafico della pietra
  • Report number, in italiano Numero certificato
  • Comments, in italiano Commenti
  • Holograms, in italiano Ologramma
  • Girdle inscriptions, in italiano Incisione cintura
  • Simmetry e polish, in italiano Simmetria e lucidatura
  • Cut grades, in italiano Valutazione taglio
  • Dimensions, in italiano Dimensioni
  • Treatments, in italiano Trattamenti
  • Fluorescence, in italiano Fluorescenza
  • Shape, in italiano Forma
  • Clarity, in italiano Purezza
  • Carat, in italiano Peso carato
  • Color, in italiano Colore
  • Cut, in italiano Taglio

Alcuni laboratori o periti indipendenti forniscono informazioni aggiuntive rispetto a quelle standard.

Leggi anche: Trading: Investire in Hedge funds oppure in un Indice di Borsa nel 2016

Le caratteristiche più importanti per determinare il prezzo del diamante

Come abbiamo vista nella carta d’identità vengono inserite tutte le informazioni necessari che determinano il prezzo finale del diamante. Sicuramente alcune caratteristiche hanno un peso maggiore nella determinazione del prezzo del diamante rispetto ad altre. Tra le caratteristiche più importati nel determinare il valore di un diamante possiamo menzionare le cosiddette 4 C:

  • Il taglio influenza la brillantezza e quindi la bellezza di ogni diamante. Quando viene tagliato con le giuste proporzioni, il diamante sprigiona la massima quantità di luce esaltando la bellezza della pietra. Invece, se tagliato in modo sbagliato non consente alla luce di riflettere correttamente sulle varie facce. Nel taglio esistono una serie di parametri e di rapporti che devono essere rispettate. Esistono svariate tipologie di tagli: brillante, rettangolare a gradini (taglio smeraldo), ovale, marquise, goccia e altro ma, il taglio più commerciale, e quindi più interessante e consigliabile dal punto di vista di una resa economicamente vantaggiosa, è il taglio a brillante.
  • Un diamante completamente incolore è molto raro, e risulta perciò molto pregiato. Ma anche un colore estremamente intenso ed acceso risulta ugualmente raro e prezioso, come ad esempio i diamanti con tonalità di colore blu, rosa, verde, giallo, arancio, rosso, La qualità del colore si rappresenta con le lettere dell’alfabeto in una scala decrescente a partire dalla lettera D alla Z.
  • Tutti i diamanti, come ogni altra gemma, hanno delle imperfezioni interne che sono piccolissime inclusioni interne di varia natura ed entità che influenzano la bellezza. Le gemme con inclusioni minori o nulle sono rare e quindi più pregiate. Le imperfezioni esterne, solitamente graffi o mancanze di materiale, non devono essere considerate nella determinazione della purezza, in quanto potrebbero essere rimosse con opportune lavorazioni di ritaglio o politura. Per convenzione internazionale, la purezza dei diamanti, è determinata a 10x (lente a dieci ingrandimenti) secondo la seguente scala:
  • Il peso del diamante è espresso in carati (ct). Un carato si divide in 100 punti. Ad esempio un diamante da 90 punti pesa 0.9 carati. Siccome i diamanti di grandi dimensioni sono rari, maggiore sarà il peso e maggiore sarà il prezzo. A parità di altre caratteristiche, l’aumento del peso porterà ad un aumento più che proporzionale del prezzo.

Nella tabella sottostante potete vedere le cosiddette 4 C.

investire in diamanti 4 C

Solo una adeguata valutazione della qualità del diamante consentirà di non fare un acquisto sbagliato, ad esempio comprando il diamante ad un prezzo maggiore rispetto alle sue caratteristiche o addirittura acquistare un diamante finto.

Leggi anche: Trading: Confronto tra Hedge funds e Indici di Borsa

L’andamento del Idex Diamond Index dal 2011 al 2016

Uno dei tanti indici che ci fornisce informazioni sull’andamento dei prezzi dei diamanti è l’Idex Diamond Index. Se facciamo riferimento all’Idex Diamond Index dal gennaio 2011 fino al gennaio 2016 risulta che l’indice è aumentato fino al primo trimestre del 2011 per poi continuare a scendere, passando da 148 punti a 123 punti nel gennaio 2016.

investire in diamanti idex diamond index

In 5 anni se un investitore avrebbe investito denaro in diamanti nel 2011, avrebbe perso quasi 17% del capitale investito fino al 2016. Invece, se avrebbe investito in un indice della Borsa italiana come il FTSE Mib avrebbe perso solo il 6.2% in 5 anni.

Ricordiamo che il suddetto indice, come qualsiasi altro indice rappresentativo di un mercato, fornisce solo un quadro generale dell’andamento di quel mercato. Quindi anche in questo caso, se l’Idex Diamond Index è sceso, non significa che il prezzo di tutti i diamanti è sceso in questo periodo di tempo.

Conclusione

L’investimento in diamanti risulta essere un investimento non per tutti e comunque molto rischioso, considerando anche la difficolta di valutare il prezzo giusto, a meno che non si ha totale fiducia nei laboratori specializzati che rilasciano i certificati gemmologici e quindi basarsi sulla loro valutazione.

Leggi anche: Il Social trading