Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Ogni persona vorrebbe guadagnare in Borsa per poter avere un ulteriore fonte di reddito rispetto ad esempio lo stipendio o la pensione.

Investire in Borsa non è sinonimo di guadagnare in borsa. Sicuramente ci sono casi in cui la probabilità di generare profitti è vicina ad uno come nel caso dell’Insider trading, ma questi sono casi che non riguarda la maggior parte dei traders. La maggior parte delle persone che fa trading non dispone di queste informazioni riservate ed è per questo che utilizza tutte le informazioni disponibili per analizzare i dati e cosi decidere dove investire.

Leggi anche: Guadagnare in Borsa con Insider trading e Aggiotaggio

Leggi anche: Come vivere di rendita finanziaria

L’analisi finanziaria di uno prodotto finanziario necessita di conoscenze, informazioni, dati, strumenti e tempo per poter effettuare l’analisi. Fare un’analisi significa analizzare l’azienda in cui si vuole investire, il settore di appartenenza, il paese o i paesi in cui l’azienda opera, la tipologia di strumento in cui si vuole investire ecc. La decisione finale deve tener conto anche del proprio profilo di rischio e della situazione economica, finanziaria e patrimoniale.

Leggi anche: Trading: Come calcolare il rendimento delle obbligazioni

Leggi anche: Come guadagnare di più nel trading azionario

Come investire in Borsa quando non si hanno conoscenze di trading

Chi non riesce ad effettuare un’analisi finanziaria e non ci capisce niente di trading, ma vuole ugualmente investire in borsa, può chiedere consigli finanziari alla propria banca. Dobbiamo, però, tenere conto che il consulente in banca è un dipendente bancario che deve seguire le politiche commerciali della banca, altrimenti se non raggiunge gli obiettivi rischia di perdere il posto di lavoro. Ciò significa che c’è un rischio elevato che il consulente cercherà di vendere i strumenti che sono più profittevoli per la banca.

Leggi anche: Truffare o ricattare un investitore con obbligazioni subordinate e azioni

Un’altra soluzione che si può applicare per chi è digiuno di finanza è quella di andare presso un consulente finanziario indipendente, il quale viene remunerato in base alle commissioni. Il compito del consulente finanziario indipendente è quello di capire a fondo le esigenze del cliente per poter scegliere gli strumenti finanziari più adatti e che hanno la più alta probabilità di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Negli ultimi anni è nata sul web anche nuova generazione di consulenti finanziari, conosciuti come Robo Advisors. Tale fenomeno risulta, però, ancora poco conosciuto in Italia.

Cosa sono i Robo Advisors

I Robo Advisors sono consulenti finanziari virtuali che aiutano le persone ad investire in borsa i propri risparmi. In pratica si tratta di piattaforme online costruite secondo determinati algoritmi di Risk Management e Asset Allocation, che tenendo conto del profilo di rischio di ciascun cliente, offrono soluzioni di investimento più o meno personalizzate. I strumenti finanziari che vengono offerte dai Robo Advisors sono principalmente ETF, ossia dei strumenti finanziari a gestione passiva che vengono acquistate e vendute in Borsa come le azioni. Tali strumenti consentono ad esempio di replicare un intero indice azionario con costi bassissimi e quindi di realizzare una maggiore diversificazione del portafoglio di investimento. Non mancano neanche i Robo Adivosrs che offrono quote di Fondi comuni, azioni, obbligazioni ecc.

Leggi anche: Trading: Investire negli ETF della Borsa Italiana

Leggi anche: Trading: Equity ETF, Fixed Income ETF e Currency ETF

Leggi anche: Classifica delle Borse mondiali per numero di ETF

Le commissioni applicate dai Robo Advisorss, per la consulenza offerta, sono bassissime rispetto a quelle applicate dai consulenti finanziari tradizionali.

Conviene usare i Robo Advisors per investire in Borsa oppure no

Rispondere alla domanda se conviene oppure no usare la consulenza dei Robo Advisors per guadagnare in Borsa non è facile per diversi motivi. Trattandosi di una tipologia di consulenza finanziari utilizzata da pochi anni ed utilizzata da una piccola percentuale dei risparmiatori, non esistono ancora dati sufficienti per analizzare i loro risultati.

Se si fa riferimento ai solo costi, sicuramente conviene usare i Robo Adivsors per fare trading. Anche se si guarda alla diversificazione del proprio portafoglio di investimento si può dire che conviene. Sicuramente, un risparmiatore può acquistare direttamente gli ETF dal proprio portafoglio titoli, aperto anche gratuitamente presso una qualsiasi banca, e quindi risparmiare sulla commissione del Robo Advisor, ma tale acquisto forse non terra conto di alcune variabili rilevanti che influenzano le scelte di investimento. Un’altra lancia a favore dei Robo Advisors è che le scelte di investimento sono immuni dall’umore e dalle emozioni come può succedere in caso di consulenti tradizionali.

Leggi anche: Behavioral Finance e gli errori nelle scelte di investimento

Leggi anche: Behavioral Finance e le tecniche di correzione degli errori nelle scelte di investimento

Alcuni Robo Advisors utilizzano modelli standardizzati e obsoleti di Risk Management e Asset Allocation e questo porta sicuramente a scelte di investimento non ottimali. In più c’è il rischio che queste piattaforme possono essere costruiti in presenza di conflitti di interesse e quindi generare proposte di investimento che non tengono realmente conto del profilo di rischio del cliente. Anche per quanto riguarda le informazioni richieste per determinare il profilo di rischio e la situazione economica, finanziaria e patrimoniale del cliente, spesso tali dati sono di livello base e non sufficienti a tenere conto di tutte le variabili necessari per determinare gli investimenti ottimali per un determinato cliente.

Il Mercato dei Robo Advisors nel 2016

Il Mercato dei Robo Advisors è ancora piccolo e infatti essi gestiscono solo una piccola fetta dei risparmi. Se facciamo riferimento agli Stati Uniti, nel 2016 i Robo Advisors gestiscono solo 0.3 trilioni di USD. Si prevede che nel 2020, i patrimoni gestiti arriveranno sui 2.2 trilioni di USD, pari a solo 5% del totale. In Itali, invece, ci sono ancora pochi player è comunque l’ammontare gestito è veramente irrisorio.

Leggi anche: Investire in Social Impact Bond

Conclusione

In conclusione si può dire che i Robo Advisors non sono ancora perfetti per determinare delle scelte di investimento ottimali ed è quindi necessario la costruzione e/o l’utilizzo di modelli di Risk Management e Asset Allocation che tengono conto di un maggior numero di variabili. Inoltre, essendo un mercato nuovo, caratterizzato da strumenti e attori diversi rispetto a quelli tradizionali, si ha bisogno di miglioramenti anche dal punto di vista legislativo. Con questo non si vuol dire che il consulente in banca oppure il consulente finanziario indipendente è meglio o peggio del Robo Advisor, ma semplicemente che sono necessari ulteriori miglioramenti.

Leggi anche: Investire in valute per diversificare il portafoglio di investimento oppure Investire nella Borsa italiana. Analisi fondamentale del Healthcare