Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Francia rimane ancora oggi, una delle destinazioni preferite per avere una seconda casa all’estero, nonostante il costo della vita non è certamente così economico, rispetto ad altre zone in Europa. Comprare casa in Francia è una scelta soddisfacente per tutti i gusti. Infatti si ha la possibilità di scegliere tra città traboccanti di cultura, fiumi rilassanti, montagne mozzafiato, spiagge idilliache e verdi colline.

Il mercato immobiliare francese, come nel resto dell’Eurozona, fu colpito durante la crisi finanziaria iniziata nel 2007 e i prezzi subirono un tracollo che non fu’ uniforme in tutte le città. La situazione sta però migliorando anche in Francia e i prezzi in molte zone hanno iniziato a crescere.

Ma conviene investire nel mattone e comprare casa in Francia?

Nella nostra analisi del mercato immobiliare in Francia saranno utilizzati 3 indicatori: Price to Income, Price to Rent e Rata mutuo / Salario medio.

Sulla base del indicatore Price to Income la città dove l’indicatore assume il valore più basso, risulta essere Toulouse, nel quale ci vuole solo il reddito di quasi 5.7 anni per comprare casa. Al secondo posto troviamo il Nantes con quasi 5.9 anni per comprare un appartamento e la terzo posto Rennes. Al quarto e quinto posto abbiamo Grenoble e Lille. In Marseille serve il reddito di quasi 10 anni, a Strasbourg 7.3 anni e a Montpellier e Lyon 9 anni. A Nizza servono 9.8 anni, a Bordeaux 10.4 e nella capitale di Francia, Parigi, servono 18.2 anni di reddito confermando quello che già si sapeva.

francia price to income

Con riferimento al rapporto Price to Rent Ratio Centro, nell’analisi del mercato immobiliare in Francia, la città più conveniente risulta essere Toulouse, seguita dal Grenoble e Nantes. Al penultimo posto abbiamo Nizza e ultimo posto della classifica risulta essere sempre Parigi.

Se, invece, si vuole investire nel mattone, ma questa volta comprare un appartamento in periferia e non più al centro, la situazione cambia per alcune citta. Secondo il Price to Rent Periferia nei primi tre posti troviamo Toulouse, Montpellier e Marseille. Al penultimo posto abbiamo Lyon e ultimo posto della classifica risulta essere sempre Parigi.

francia price to rent

Nonostante una città può essere più conveniente rispetto ad un altra sulla base del Price to Rent Ratio, la cosa migliore è quella di analizzare i valori assunti da tale indice. Sulla base dei valori che assume il Price to Rent Ratio abbiamo 3 scenari:

  • Se il Price to Rent assume valori tra 1 a 15, conviene di più comprare l’immobile, piuttosto che prenderlo in affitto e quindi il mercato immobiliare è sottovalutato
  • Se il Price to Rent assume valori tra 16 a 20, in generale, ma non sempre, conviene stare in affitto
  • Se il Price to Rent è maggiore di 20, conviene di più rimanere in affitto e quindi il mercato immobiliare è sopravvalutato

Il Price to Rent Centro è inferiore a 20 solo in 1 città: Toulouse. In centro città, in generale conviene comprare casa, ma non sempre. Invece nelle altre 11 città francesi il rapporto è superiore a 20 e quindi il mercato immobiliare è sopravvalutato.

Il Price to Rent Periferia è inferiore a 15 solo in 1 città: Toulouse. In questa città, in Periferia, il mercato immobiliare sottovalutato. Invece nelle altre 11 città francesi il rapporto è superiore a 20 e quindi il mercato immobiliare è sopravvalutato.

Sulla base del rapporto Rata mutuo con Salario medio, al primo posto troviamo Nantes dove solo il 38.7% del reddito va per la rata del muto. Al secondo posto Toulouse dove serve il 39% del proprio reddito per pagare la rata del mutuo e al terzo posto Lille con il 44.6%.

francia rata mutuo salario

Al penultimo posto troviamo Bordeaux, dove il 69.6% del reddito va a pagare la rata del mutuo. All’ultimo posto della classifica abbiamo Parigi, dove non basta il reddito per pagare la rata del mutuo, ma serve addirittura il 118.2% del reddito percepito.

Gli indicatori utilizzati nella analisi, sono calcolati prendendo in considerazione un appartamento di 90 metri quadri e i dati sono forniti da Numbeo e sono relativi al mese di settembre. Prima dell’analisi del mercato immobiliare spagnolo spieghiamo come vengono calcolati gli indicatori utilizzati. Il Price to Income è dato dal rapporto fra prezzo mediano della casa con reddito mediano annuo. Il Price to Rent è dato dal rapporto tra prezzo dell’immobile con l’affitto annuale. Infine l’indicatore Rata mutuo / Salario medio è dato dal rapporto tra rata media di un mutuo per un appartamento di 90 metri quadri con il salario medio.

Leggi anche: Comprare casa in Spagna nel 2015. Analisi del mercato immobiliare oppure Analisi del mercato immobiliare in Italia nel 2015 oppure Analisi del mercato immobiliare nell’Area Euro nel 2015 oppure Investire nel mattone oggi. Il mercato immobiliare nell’OCSE